A chi non è mai capitato di leggere su riviste o sul web di diete miracolose che addirittura farebbero perdere 2 kg in 4 giorni. Ma cosa accade al nostro corpo quando seguiamo queste diete restrittive?

Il corpo umano è una macchina perfetta e sbalorditiva. Esso si è evoluto e perfezionato nei millenni per sopravvivere al meglio. Come per tutti gli animali infatti, anche per l’uomo vale la regola della sopravvivenza della specie: si riproduce (e pertanto tramanda ai suoi discendenti il proprio DNA) chi è in grado di sopravvivere. Sopravvivere a cosa?  Alla fatica, alla carestia, al freddo, al caldo, alla paura ed a fenomeni naturali di grandissima portata. L’uomo primitivo ha affrontato tutte queste fatiche ed è giunto a “consegnare” all’uomo moderno un DNA eccezionale in grado di sopravvivere in condizioni estreme. Fra queste figura anche la scarsità di cibo. Il nostro corpo è per questo programmato a sopravvivere ad episodi di digiuno ma non è stato altrettanto programmato a tollerare per lungo tempo scorpacciate di zuccheri raffinati, esagerate abbuffate di prodotti alimentari che di naturale hanno ormai molto poco (purtroppo l’evoluzione genica e la diponibilità di cibo dei giorni nostri non sono andate di pari passo…), eccessive quantità di alcol e, dulcis in fundo, mix di beveroni proteici assunti molto spesso a casaccio  e di questo discorsi ne sento parecchi)

Alimentarsi è una cosa seria. La natura ci ha messo a disposizione da sempre tutto ciò di cui abbiamo bisogno ma il nostro stile di vita è totalmente cambiato e fatichiamo a riconoscere quello che realmente ci dona benessere e ci rende più longevi.

Le diete miracolose del web hanno in comune una sola cosa: la diminuzione drastica dell’intake calorico per costringere il corpo ad attingere alle sue riserve di grasso. ( attenzione seppur il meccanismo sia molto simile non ha nulla a che vedere con la  dieta chetogenica: nella dieta chetogenica, eseguita sotto il controllo di un professionista, si ha certamente una diminuzione delle calorie, ma nello stesso tempo il corpo inverte la via metabolica e non abbassa il metabolismo che rimarrà lo stesso una volta eseguito il mantenimento come si deve.

La dieta del riso, del gelato, della frutta, della banana e chi più ne ha più ne metta, invece costringono il corpo ad entrare in uno stato di emergenza (per il nostro organismo si tratta di carestia) durante il quale cerca di abbassare il metabolismo andando ad intaccare la nostra massa magra che è quella metabolicamente attiva.  Infatti noi non siamo come i nostri antenati o anche solo come i nostri nonni che praticavano attività fisica (certamente per necessità) ogni giorno della loro vita: il nostro corpo, dovendo abbassare il metabolismo e constatando che, molto spesso, gran parte della nostra massa magra rimane inutilizzata, risparmia. E risparmia consumando in primo luogo la nostra massa muscolare.

In questo modo le diete miracolose ci avranno certamente fatto perdere peso, ma avremo intaccato la nostra massa metabolicamente attiva, abbassato il metabolismo e reso il nostro organismo affamato di carboidrati che, appena rientreranno come di consueto (secondo le nostre abitudini alimentari), alimenteranno di nuovo, se non di più, le nostre rotondità.

E quindi….?

Un consiglio? Non aspettate il la primavera per tenere alla vostra forma fisica perchè quella rispecchia il vostro stato di salute. E non è detto che dietro ad un corpo magro ci sia sempre un corpo in salute. I dimagrimenti molto veloci a volte, portano dei veri e propri disastri…. Seguite una dieta bilanciata, ma concedetevi ogni tanto qualche sgarro perchè, se inserito all’interno di una dieta equilibrata, lo potrete fare con serenità godendovi i vostri momenti conviviali senza eccesive rinunce. Amate la vostra salute dal primo gennaio al 31 dicembre di ogni anno!


0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *